icona pon  iscrizioni online  logo fei-2

Il Tedone a "La scuola in mostra"

EUROPA IN MUSICA

 

Fra gli appuntamenti della manifestazione” La Scuola in Mostra”, programmata dal Comune di Ruvo di Puglia, Assessorato alla Pubblica Istruzione, il giorno 7 giugno 2013 presso il Convento dei Domenicani con inizio alle ore 19,00 i nostri alunni arricchiranno la serata con la presentazione di alcuni progetti realizzati nel corso dell'anno.

La serata si articolerà in più fasi per dare risalto al progetto “Arte antica dello scalpello” con illustrazione dell’attività, visione di una presentazione multimediale e interviste agli alunni protagonisti ed artisti delle 15 formelle che compongono la Via Crucis, offerta ed esposta preso il Santuario della Madonna delle Grazie ed inaugurata nella serata del 30 maggio scorso. Seguiranno altri progetti quali “I custodi dell’arte “ gestito dalla Dott.ssa Giusy Di Bisceglie e referente la Prof.ssa Marilena Leone ed il progetto “Europa in Musica” con relativi video che sintetizzano le diverse esperienze portate a termine.
via crucisLa manifestazione si concluderà con i giovani studenti del Liceo e le loro bands che esprimeranno le competenze nel campo musicale e la creatività artistica.

Presenterà la serata la Prof.ssa Rosanna Pellegrini, coordinatore il Prof. Mimmo Tamborra.

Nella sede del Liceo il giorno 4 giugno, alle ore 18 ci sarà la presentazione di tutti i progetti realizzati per gli alunni del Liceo, fra cui il Teatro del Tedone che con lo spettacolo "Un fiocco color pervinca" ha conquistato in questi ultimi giorni 6 premi alle cinque rassegne nazionali di teatro educativo cui ha preso parte. Lo stesso spettacolo sarà presentato nella serata del 6 giugno nel chiosto dell'ex convento dei domenicani nell'ambito del programma "La scuola in mostra".

A sette anni dalla realizzazione si inaugura la Via Crucis

Il progetto “l’arte antica dello scalpello”

Consegna di un percorso

di spiritualità dagli alunni del Tedone alla Comunità

RITAGLI

 

 

Sarà il Vescovo Mons. Luigi Martella a presentare l’elaborato degli alunni che ha trovato definitiva sistemazione nell’area raccolta ("hortus conclusus") del Santuario della Madonna delle Grazie.

La scoperta dell’opera con la presentazione al pubblico è fissata alle ore 17 del 30 maggio 2013. La consegna da parte del Liceo avverrà alla presenza degli artefici dell’opera.

 La Via Crucis, come via della Croce, è la possibilità  che da secoli uomini di fede,  perlopiù francescani, hanno formulato come itinerario di riflessione   del cammino di Cristo verso la morte accompagnato dalla croce, strumento della sua tortura, attraverso la emulazione aiutata dalle immagini espresse, in diverse forme d’arte, delle  tappe di questo drammatico percorso che ha come epilogo la resurrezione; quest’ultima non sempre  rappresentata nelle stazioni che la compongono.

Un cammino doloroso, impervio, in compagnia dello stesso oggetto di morte,  simbolo tuttavia di un “incrocio” in cui verticale ed orizzontale (il patibolo), uomo e Dio, transitorio ed eterno, si incontrano e si ritrovano, dove vita e morte, luce e tenebre  si affrontano in una lotta  decretando la definitiva  vittoria della Verità che ridona senso, eternità, salvezza, gioia.

A livello didascalico il cammino di Cristo nella Via Crucis è da sempre metafora del cammino che ogni uomo fa nella vita alla  ricerca di verità, di senso. Percorso faticoso, doloroso, ricco di incontri e situazioni in cui tutti gli uomini si possono riconoscere, alla ricerca di risposte e modelli forti. Ed  è proprio sul tema dell’incontro, degli sguardi, della fatica, delle mani che toccano il divino, le stesse che aiutano, che fanno male e sulla croce vengono inchiodate che  verte l’interpretazione di questa Via Crucis. Un percorso ricercato e presentato da un gruppo di ragazzi e docenti che superando infinite difficoltà hanno portato a termine un lavoro di scultura a bassorilievo in marmo  eseguito negli anni scolastici 2007-20008.

 Il lavoro  in oggetto, nasce da confronti e tentativi di contestualizzare e ripensare sempre  in modo simbolico e più personale le tappe tradizionali della via Crucis,  a partire dall’operazione di spaccare letteralmente in modo irregolare una lastra di marmo bianco di Carrara di m 2,50 per m 1,50 in 14 stazioni, più la quindicesima formella dedicata alla resurrezione.

Il taglio  che si è voluto dare al lavoro e gli obiettivi che il gruppo si è posto di raggiungere c’è quello della condivisione delle conoscenze e l’utilizzazione delle competenze acquisite sia nel disegno che nell’opera scultorea con l’aiuto generoso di un maestro scalpellino ruvese,  il Signor Filomeno Visicchio.

E’ questo un “lavoro eseguito a più mani”, anche su una stessa formella,  da parte di ragazzi di età  e con competenze diverse: si voleva rendere  concreto, ripetere e rivivere lo stesso spirito di collaborazione  che, nel cantiere medioevale, un tempo favoriva la nascita di monumenti-simbolo comunitari come le cattedrali. Lo spirito di collaborazione e concertazione, in un ambiente formativo come una scuola può realizzare, ha prodotto un evento imprevedibile di un  liceo scientifico (il nostro “O. Tedone “ di Ruvo di Puglia) che elabora e produce bassorilievi e formelle.

 E’ quasi da un decennio infatti che in questa scuola si attivano offerte formative come il corso di “arte antica dello scalpello”, dove si cerca senza presunzione di tirar fuori da quel sè silente di alcuni  alunni conoscenze e competenze inaspettate. Scongiurando il rischio della dispersione scolastica e con la certezza di una ricaduta positiva nella didattica curriculare, si cerca di  favorire  e recuperare la manualità oramai in declino di un’arte antica che abbisogna di tempi più lunghi di esecuzione, di  fatica, di amore, di condivisione, di abnegazione, tutte situazioni che la velocità degli strumenti tecnologicamente avanzati hanno distrutto.

Don Tonino Bello nella sua “Carezza di Dio “, immaginandosi nella bottega di Giuseppe, ci avrebbe inebriati parlandoci del “piacere di accarezzare“ il pezzo che si sta lavorando e che pian piano prende forma  tra le mani dell’artigiano… per mostrarci quello che si vuole comunicare.

Lo stile dell’elaborato è di tipo simbolico non precisamente naturalistico; talvolta tende alla deformazione della figura, nel tentativo di esprimere il senso “personalizzato” della sofferenza. Il lavoro è sicuramente un pretesto, come si diceva, aperto a tutte le considerazioni e riflessioni che i fruitori vorranno ulteriormente attingere, per una personale o comunitaria riflessione sulla vita.

I titoli assegnati alle singole formelle sono stati attribuiti dal gruppo di lavoro, dopo attenta discussione  sulle diverse stazioni;  si è convenuto di prendersi la licenza di variarli rispetto a quelli tradizionali per poter fornire  indicazioni da cui partire per impostare un possibile ed aperto percorso di lettura e riflessione, più vicino alla nostra realtà secondo il gruppo di lavoro.

Si è voluto così offrire al Santuario della Madonna delle grazie della nostra città  ed a tutti i fedeli (noi compresi) , questo lavoro dedicato alla Madonna,  a tutti i ragazzi che lo hanno faticosamente eseguito ed a tutti gli uomini semplici e di buona volontà che guardando a Cristo potranno ritrovare se stessi e gli altri.

Science Show al Tedone

MANIFESTO2

 

Nell’ambito delle manifestazioni " LA SCUOLA IN MOSTRA" il Liceo Tedone ha il piacere di invitare alla manifestazione scientifica che si terrà presso l’Auditorium il 28 Maggio 2013 alle ore 16:45.

Lo spettacolo si configura come uno Science Show,  dal titolo “Niente è troppo meraviglioso per essere vero”: lampade, batterie, motorini ed altri oggetti curiosi. L’incontro ha carattere scientifico-divulgativo e vede la partecipazione dei Proff. Pietro Cerreta e Canio Lelio Toglia, membri dell’Associazione Nazionale “Scienza Viva” che ha sede a Calitri (AV).

Scienza Viva  collabora con alcune Universi­tà italiane, partecipa a Festival della Scienza in tutto il mondo, collabora con il MIUR e con numerosi singoli insegnanti di materie scientifiche nelle scuole di tutta la penisola, con l’obiettivo di diffusione della cultura scientifica esperienziale. Più volte è stata invitata al Quirinale per l'inaugurazione dell'anno scolastico ed a manifestazioni programmate dal MIUR; realizza numerosi corsi di formazione per docenti in moltissime scuole. La stessa Associazione ha già realizzato numerosi eventi scientifici con il Tedone, fra cui la mostra “Le ruote quadrate” che ha registrato la presenza di oltre 5.000 visitatori.

 

 

Liceo Scientifico Statale "Orazio Tedone", via A. Volta 13 - 70037 Ruvo di Puglia (Ba)
Centralino: 080.3601414 - Fax centrale: 080.3601415